Il progetto di Garda Uno da Limone a Peschiera

Il progetto di Garda Uno da Limone a Peschiera

Il progetto di Garda Uno da Limone a Peschiera

Caricare l’automobile sfruttando gli impianti fotovoltaici: dall’anno prossimo sarà possibile girare il lago di Garda con il proprio veicolo elettrico senza il timore della batteria scarica. Il progetto di Garda Uno, che da febbraio installerà 31 «colonnine» da Limone a Peschiera, è quello di creare la prima rete extraurbana pubblica di stazioni di ricarica per mezzi elettrici. Le 18 colonnine più vicine si trovano a Brescia, installate da A2A sul territorio urbano. Garda Uno invece vuole creare un sistema diffuso, che mira a produrre energia da fonti rinnovabili. La multiutility installerà le colonnine in prossimità dei 52 impianti fotovoltaici installati dalla società nei diversi comuni del Garda. I pannelli producono corrente per scuole e municipi, ma anche per i veicoli. «È vero che gli utenti sono ancora pochi – spiegano da Garda Uno -, ma cresce il numero dei turisti stranieri che arrivano con mezzi elettrici o ibridi». Ventisette i comuni coperti dal servizio, anche se i primi paesi interessati, a febbraio, sono Sirmione, Desenzano, Padenghe, Salò, Toscolano, Gargnano, Tignale, Carpenedolo, Calcinato e Lonato. Quando saranno installate tutte le colonnine, si potrà girare il Garda senza emissioni.

Leggi l’articolo

Caricare l’automobile sfruttando gli impianti fotovoltaici: dall’anno prossimo sarà possibile girare il lago di Garda con il proprio veicolo elettrico senza il timore della batteria scarica. Il progetto di Garda Uno, che da febbraio installerà 31 «colonnine» da Limone a Peschiera, è quello di creare la prima rete extraurbana pubblica di stazioni di ricarica per mezzi elettrici. Le 18 colonnine più vicine si trovano a Brescia, installate da A2A sul territorio urbano. Garda Uno invece vuole creare un sistema diffuso, che mira a produrre energia da fonti rinnovabili. La multiutility installerà le colonnine in prossimità dei 52 impianti fotovoltaici installati dalla società nei diversi comuni del Garda. I pannelli producono corrente per scuole e municipi, ma anche per i veicoli. «È vero che gli utenti sono ancora pochi – spiegano da Garda Uno -, ma cresce il numero dei turisti stranieri che arrivano con mezzi elettrici o ibridi». Ventisette i comuni coperti dal servizio, anche se i primi paesi interessati, a febbraio, sono Sirmione, Desenzano, Padenghe, Salò, Toscolano, Gargnano, Tignale, Carpenedolo, Calcinato e Lonato. Quando saranno installate tutte le colonnine, si potrà girare il Garda senza emissioni.

Leggi l’articolo

Caricare l’automobile sfruttando gli impianti fotovoltaici: dall’anno prossimo sarà possibile girare il lago di Garda con il proprio veicolo elettrico senza il timore della batteria scarica. Il progetto di Garda Uno, che da febbraio installerà 31 «colonnine» da Limone a Peschiera, è quello di creare la prima rete extraurbana pubblica di stazioni di ricarica per mezzi elettrici. Le 18 colonnine più vicine si trovano a Brescia, installate da A2A sul territorio urbano. Garda Uno invece vuole creare un sistema diffuso, che mira a produrre energia da fonti rinnovabili. La multiutility installerà le colonnine in prossimità dei 52 impianti fotovoltaici installati dalla società nei diversi comuni del Garda. I pannelli producono corrente per scuole e municipi, ma anche per i veicoli. «È vero che gli utenti sono ancora pochi – spiegano da Garda Uno -, ma cresce il numero dei turisti stranieri che arrivano con mezzi elettrici o ibridi». Ventisette i comuni coperti dal servizio, anche se i primi paesi interessati, a febbraio, sono Sirmione, Desenzano, Padenghe, Salò, Toscolano, Gargnano, Tignale, Carpenedolo, Calcinato e Lonato. Quando saranno installate tutte le colonnine, si potrà girare il Garda senza emissioni.

Leggi l’articolo